Home Italy Revisited Bookshelf Plays About Mary Melfi Contact Us
in
Jams and Marmalades
List of Italian Jams by Region
Originated from: Italy
Occasion: Any time
Contributed by: Courtesy of Italian Wikipedia

Printer Friendly Version

Ingredients

Jam and Marmalade Specialties by Italian Region

REGION ABRUZZO
o cotognata e marmellat di mela cotogna
o marmellata d'uva Montepulciano d'Abruzzo
o scrucchiata
o sclucchiata

REGION CALABRIA
o marmellata di arance
o marmellata di bergamotto
o confettura di cipolla rossa di tropea
o marmellata di clementine
o marmellata di limoni
o marmellata di mandarini
o confettura di uva

FRIULI-VENEZIA GIULIA
o confettura di mirtilli, fragole, lamponi, mele
o confettura di olivello spinoso e mele

LAZIO REGION
o marmellata di agrumi
o confettura di castagne
o confettura di mele al mosto cotto
o confettura di uva fragola
o confettura di viscioli

MARCHE REGION
o confettura di bacche di rosa canina
o confettura di cotogne e radici di cicoria
o confettura di fichi della signora
o confettura di more
o confettura di mosto e mele mostarda
o confettura di pomodori verdi

PUGLIA REGION
o marmellata di arancio e limone
o confettura di fichi
o marmellata di cotogne (cotognata leccese]

REGION OF SICILY
o marmellata di arance
o confettura di mele cotogne
o confettura di pere spinelli, pira spinieddi
o gelatina d'arancia

REGION OF TUSCANY
o marmellate della Toscana

TRENTINO-ALTO ADIGE
Province of Bolzano
o confettura di mirtilli rossi
Province of Trento
o confettura di frutti di bosco o conserva de impòmbore, giasene, more
o confettura di mirtilli rossi o conserva de garnètole
o confettura di ribes o conserve



Directions




Notes

From Wikipedia (Google machine translation): The term [marmellata] jam is commonly defined as a semi-solid preparation sweet, or more rarely bittersweet , plant-based small pieces and sugar and cooked for a long time. In the vast majority of cases is based on fruit , but there are different examples such as jam red tomatoes or green or that of rhubarb. Since 1982 , as a result of an EU directive , only products obtained from citrus fruits can be sold in ' Union European Union under the name of "jam", while all the other preparations should be called jam . The name comes from the Portuguese marmelo for quince (from the greek μελίμηλον "apple honey"). Widespread in almost every country, has spawned a number of legends about its origin, often involving real people like Elizabeth of England or Catherine de 'Medici . In fact, even the ancient Greeks preserved the quince cooking them slowly to thicken the sugars. The densification of the compound obtained occurs during the cooling effect of the action of pectin . It should be noted, however, that, before the advent of sugar , an event quite recently, the only sweetener known as well as fruit juices ( Sapa ) was the honey , expensive material, used by the poorer classes as a bargaining chip to get essential products, rather than for direct consumption. The term "apple honey" therefore does not derive from the addition of honey , but for the fact, easy to verify, that the flesh of the fruit is practically inedible even in the maturity stage, very little sweet, hard, and rather acrid, suffers with cooking, prior to any addition of any softening, a drastic transformation of the long-chain sugars content (hence "little cakes") into sugars very "sweet", with a strong scent of honey. A similar preparation is that of candied fruit or vegetables, considered a princely gift in the same period. However, it is likely that both techniques are much older: cooking and, together, the concentration of sugars ensure a long shelf life of the fruit, otherwise impossible in periods without refrigeration systems. Jam, marmalade, jelly, made ​​ The principle of the three preparations is identical. The result varies, however, slightly. In the present terminology with jam means a custard sugar and citrus fruits into small pieces ( lemon , orange , mandarin , and more rarely of grapefruit, clementine, cedar and bergamot .) The jam shows the same preparation refers to other types of fruit. The fruit jelly is produced with sugar and fruit juice without pulp or peel, and is most commonly used in confectionery for apricottare sweets before glassarli. He also appears as an ingredient in sauces desserts. The law provides that the percentage of fruit should not go down, in any case, below 20%. marmalade, jam or jelly are defined extra if the fruit content is at least 45% and usually have a 35% or 40% . The fruit compote jam is distinguished from the higher content of fruit and consequently the least amount of added sugar. The percentage of fruit must be, by law, higher than 65%. Procedure. The fruit is washed clean of scrap parts, cut into pieces and cooked for a long time in the sugar until it becomes creamy. Is then put, hot , in cans . Once plugged the residual heat of the compound is in charge of sterilizing. The jam is consumed after some time of preparation. The addition of small amounts of pectin dramatically reduces the cooking time necessary to achieve the densification, taking from hours to minutes, and for this reason is commonly used in industrial production, but could easily be obtained also for domestic use. Is then put (boiling) water in jars. Capped and placed upside down (from the cap end) in the middle covered until cool (used to create the vacuum, so the jam will not ruin making molds). Today industrial production boxes jams using exclusively the method of vacuum and with double sterilization: this technique, executable also for home use, prevents the growth of mold. The Botox instead can not develop in the cookie jar or in jams because their sugar content is lethal for this anaerobic bacterium; contamination by botulism in household products are often found in pickles. The sugar or honey represents about 40-50% of the total weight: jam is basically half fruit and half sugar . Nutritional The nutritional values ​​are extremely variable depending on the fruit and the amount of sugar used. In general, the jams make 200-260 cal per 100 g. If they are, however, dietary, about 100-160 cal. Awards On the proposal of the various regions were recognized as follows traditional Italian food products: REGION ABRUZZO o quince jam and quince [cotognata e marmellata di mela cotogna] o Montepulciano d'Abruzzo grape jam [marmellata d'uva Montepulciano d'Abruzzo], o scrucchiata, o sclucchiata REGION CALABRIA o orange marmalade [marmellata di arance] o jam bergamot [marmellata di bergamotto] o jam red onion [confettura di cipolla rossa di tropea] o clementine marmalade [marmellata di clementine] o lemon marmalade [marmellata di limoni] o mandarin jam [marmellata di mandarini] o grape jam [confettura di uva] FRIULI-VENEZIA GIULIA o blueberry jam, strawberries, raspberries, apples [confettura di mirtilli, fragole, lamponi, mele] o sea ​​buckthorn jam and apples [confettura di olivello spinoso e mele] LAZIO REGION o citrus marmalade [marmellata di agrumi] o jam chestnuts [confettura di castagne] o apple jam cooked must grape [confettura di mele al mosto cotto] o strawberry jam [confettura di uva fragola] o jam viscioli [confettura di viscioli] MARCHE REGION o jam rosehips [confettura di bacche di rosa canina] o quince jam and roots of chicory [confettura di cotogne e radici di cicoria] o fig jam lady [confettura di fichi della signora] o blackberry jam [confettura di more] o jam juice and apple chutney [confettura di mosto e mele mostarda] o green tomato jam [confettura di pomodori verdi] PUGLIA REGION o orange marmalade and lemon [marmellata di arancio e limone] o fig jam [confettura di fichi] o quince jam (quince Lecce) [marmellata di cotogne (cotognata leccese] REGION OF SICILY o orange marmalade [marmellata di arance] o quince jam [confettura di mele cotogne] o pear jam joints, pyre spinieddi [confettura di pere spinelli, pira spinieddi] o orange jelly [gelatina d'arancia REGION OF TUSCANY o jams of Tuscany [marmellate della Toscana] TRENTINO-ALTO ADIGE Province of Bolzano o Cranberry jelly [Preiselbeer marmelade (confettura di mirtilli rossi] Province of Trento o berry jam or preserves de imp√≤mbore, giasene, blackberries [confettura di frutti di bosco o conserva de imp√≤mbore, giasene, more] o Cranberry jelly or preserves de garn√®tole [confettura di mirtilli rossi o conserva de garn√®tole] o currant jam or preserves de Ua spin√®la [confettura di ribes o conserve]...... ORIGINAL ITALIAN TEXT ITALIAN WIKIPEDIA NOTES: Marmellata Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Con il termine marmellata si intende comunemente una preparazione semisolida dolce, o pi√Ļ raramente agrodolce, a base di vegetali a pezzetti e zucchero e cotta a lungo. Nella grande maggioranza dei casi √® a base di frutta, ma non mancano esempi differenti come la marmellata di pomodori rossi o verdi oppure quella di rabarbaro. Dal 1982, per effetto di una direttiva comunitaria, solo prodotti ottenuti da agrumi possono essere venduti nell'Unione Europea con la denominazione di "marmellata", mentre tutte le altre preparazioni vanno chiamate confettura. Origine Il nome deriva dalla parola portoghese marmelo, per mela cotogna (dal greco μελίμηλον "mela di miele" ). Diffusa in quasi ogni paese, ha generato una serie di leggende sulla sua origine, che spesso coinvolgono personaggi reali come Elisabetta d'Inghilterra o Caterina de' Medici. In realt√†, gi√† gli antichi greci conservavano le mele cotogne cuocendole lentamente per addensare gli zuccheri contenuti. L'addensamento del composto ottenuto si ha durante il raffreddamento, ad effetto della azione della pectina. √ą da notare comunque che, prima dell'avvento dello zucchero, evento alquanto recente, l'unico dolcificante conosciuto oltre ai succhi di frutta (Sapa) era il miele, materiale costosissimo, usato dai ceti poveri come merce di scambio per avere prodotti essenziali, piuttosto che per il consumo diretto. Il termine "mela di miele" non deriverebbe perci√≤ dalla aggiunta di miele, ma per il fatto, facile da verificare, che la polpa del frutto che √® praticamente immangiabile anche in fase di maturit√†, pochissimo dolce, dura, e piuttosto acre, subisce con la cottura, prima di qualsiasi aggiunta di eventuali addolcenti, una trasformazione drastica degli zuccheri a lunga catena contenuti ( quindi "poco dolci") in zuccheri decisamente "dolci", con uno spiccato profumo di miele. Una preparazione affine √® quella della canditura della frutta o della verdura, considerata un regalo principesco nello stesso periodo[senza fonte]. √ą tuttavia probabile che entrambe le tecniche siano ben pi√Ļ antiche: la cottura e, insieme, la concentrazione degli zuccheri assicurano una lunga conservazione della frutta, altrimenti impossibile in epoche prive di sistemi di refrigerazione. Marmellata, confettura, gelatina, composta Il principio delle tre preparazioni √® identico. Il risultato varia, per√≤, leggermente. Nella terminologia attuale con marmellata si intende una crema cotta di zucchero e agrumi a pezzetti (limone, arancia, mandarino, e pi√Ļ raramente di pompelmo, clementina, cedro e bergamotto). La confettura indica la stessa preparazione riferita agli altri tipi di frutta. La gelatina di frutta viene prodotta con zucchero e succo della frutta, senza polpa o buccia, ed √® maggiormente usata in pasticceria per apricottare i dolci prima di glassarli. Compare anche come ingrediente di salse dolci. La legge prevede che la percentuale di frutta non debba scendere, in ogni caso, sotto il 20%. Marmellata, confettura o gelatina vengono definite extra se il tenore di frutta √® di almeno il 45% e solitamente ne hanno il 35% o 40%. La composta di frutta si distingue dalla marmellata per il maggior contenuto di frutta e conseguentemente il minor quantitativo di zucchero aggiunto. La percentuale di frutta deve essere, per legge, superiore al 65%. Procedimento La frutta viene mondata delle parti di scarto, tagliata a pezzetti e cotta a lungo nello zucchero sino a che diventa cremosa. Viene quindi messa, bollente, in barattoli. Una volta tappati il calore residuo del composto si occupa di sterilizzarli. La marmellata viene consumata dopo qualche tempo dalla preparazione. L'aggiunta di piccole quantit√† di pectina riduce drasticamente i tempi di cottura necessari per ottenere l'addensamento, portandoli da ore a minuti; per tale motivo √® comunemente utilizzata nella produzione industriale ma pu√≤ facilmente essere reperita anche per uso domestico. Viene quindi messa (bollente) in barattoli. Tappati e messi capovolti (dalla parte del tappo) in mezzo a coperte fino a raffreddamento (serve per creare il sottovuoto, cos√¨ la marmellata non si rovina facendo muffe). Oggi la produzione industriale inscatola marmellate usando esclusivamente il metodo del sottovuoto e con doppia sterilizzazione: questa tecnica, eseguibile anche in ambito casalingo, evita la crescita di muffe. Il botulino invece non pu√≤ svilupparsi nella marmellata n√© nelle confetture perch√© il loro tenore di zucchero √® letale per questo batterio anaerobico; le contaminazioni da botulino nei prodotti casalinghi sono spesso riscontrabili nei sottoli. Lo zucchero o miele rappresenta circa il 40-50% del peso totale: la marmellata √® sostanzialmente met√† frutta e met√† zucchero. Valori nutrizionali I valori nutrizionali sono estremamente variabili a seconda della frutta e della quantit√† di zucchero usate. In linea generale le marmellate apportano 200-260 cal per 100 g. Se sono, invece, dietetiche, circa 100-160 cal. Riconoscimenti [modifica] Su proposta delle varie regioni sono stati riconosciuti i seguenti prodotti agroalimentari tradizionali italiani: REGIONE ABRUZZO cotognata e marmellata di mela cotogna marmellata d‚Äôuva Montepulciano d'Abruzzo, scrucchiata, sclucchiata REGIONE CALABRIA marmellata di arance marmellata di bergamotto confettura di cipolla rossa di tropea marmellata di clementine marmellata di limoni marmellata di mandarini confettura di uva REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA confettura di mirtilli, fragole, lamponi, mele confettura di olivello spinoso e mele Regione Lazio marmellata di agrumi confettura di castagne confettura di mele al mosto cotto confettura di uva fragola confettura di viscioli REGIONE MARCHE confettura di bacche di rosa canina confettura di cotogne e radici di cicoria confettura di fichi della signora confettura di more confettura di mosto e mele mostarda confettura di pomodori verdi REGIONE PUGLIA marmellata di arancio e limone confettura di fichi marmellata di cotogne (cotognata leccese) REGIONE SICILIANA marmellata di arance confettura di mele cotogne confettura di pere spinelli, pira spinieddi gelatina d'arancia REGIONE TOSCANA marmellate della Toscana Regione Trentino-Alto Adige Provincia di Bolzano Preiselbeermarmelade (confettura di mirtilli rossi) Provincia di Trento confettura di frutti di bosco o conserva de imp√≤mbore, giasene, more confettura di mirtilli rossi o conserva de garn√®tole confettura di ribes o conserve

Back to main list